Cerca

Il liberastorie

La narrazione che libera tutti

Pensiero

Che bello quando si diventa grandi!!

“Ti sei innamorato dei miei fiori, ma non delle mie radici.

Così quando è venuto l’inverno, non hai saputo cosa fare.

E non hai aspettato la mia nuova Primavera.”

Ysabeau Dennis

P.s.

Mi dispiace per te, non sai che ti perdi..

Emanuela

Incontenibile

…Foto sbiadita di un abbraccio, cui  non rammento più il calore…

Emanuela

“​Scendere verso l’autunno e continuare ad amare”.

Luigi Nono

(Foto dal web)

….Ti ho amato con tanta passione, 

per questo non potrò mai
amarti un’altra volta…

Charis Vlavianòs

La ragazza di carta

“L’hai amata, vero?”

Lui sospirò
“Come posso risponderti? Lei era matta”

Sì passò la mano tra i capelli

“Dio se era tutta matta. 

Ogni giorno era una donna diversa

Una volta intraprendente, l’altra impacciata.
Una volta esuberante, l’altra timida. Insicura e decisa.
Dolce e arrogante.
Era mille donne lei, ma il profumo era sempre lo stesso
Inconfondible
Era quella la mia unica certezza.
Mi sorrideva sapeva di fregarmi con quel sorriso
Quando sorrideva io non capivo più nulla
Non sapevo più parlare ne pensare
Niente, zero
C’era all’improvviso solo lei
Era matta, tutta matta
A volte piangeva
Dicono che in quel caso le donne vogliono solo un abbraccio
Lei no
Lei si innervosiva
Non so dove si trova adesso ma scommetto che è ancora alla ricerca di sogni
Era matta tutta matta
Ma l’ ho amata da impazzire.

Charles Bukowski

Pensierino

Il sognatore lo riconosci subito, è quello seduto dalla parte del finestrino.

Emanuela

Se fossi in te, non curerei troppo la pianta. Quelle attenzioni premurose potrebbero danneggiarla. Smetti di zappare e lascia riposare il terreno e aspetta che sia secco prima di bagnarlo. La foglia trova da sola la propria direzione; …dalle la possibilità di cercare il sole per conto suo. Troppi stimoli e una tenerezza troppo assillante arrestano la crescita. Dobbiamo imparare a lasciare sole le cose che amiamo.

Naomi Long Magdett

Possibile

È possibile che di questa  povera storia, gran parte sia frutto di una illusione: una enorme bolla di sputo in cui galleggiare per un po’; un banalissimo frullato, fatto con un oggi incerto e  un domani interrotto.
Tuttavia, ieri… 

Miseramente viene trascinato via da un noioso e ostinato silenzio, da agitate farfalle, da un caffè, doppio. 

Da una sentenza  di spalle voltate, rigide ed immobili. 
Del  patto indissolubile, rimane un senso di profonda malinconia per due che oggi non si trovano più, tanto si stringevano allora.
Tra le mani nodose a  fatica, viene stretta la speranza di un amore vero, ma speranza ed illusione si abbracciano e non intendono lasciarsi più.
Trattenere, alla lunga, taglia le dita.

Emanuela

Blog su WordPress.com.

Su ↑