Cerca

Il liberastorie

La narrazione che libera tutti

Mese

dicembre 2019

Di me,imparerai infinite cose.Per esempio che la prima lettera del mio alfabeto è amore.O che ascolto ridere il vento.Ma di certi inverni, non ne saprai mai niente;neppure amandomi,potrai arrivare fin sopra i miei pensieri.Accettali e basta.Per quello che sono.Per quello che siamo.O chiedimi un abbraccio,semmai,che cucia ombre e calore,perché il fumo d’un respiro,non si perda nel freddo,ma resti un falò,di parole non dette.Andrew Faber

“Mentre incosciente ti ferivo
scoprivo ch’eri accanto a me.
Lottando inutilmente contro te
sentivo ch’eri tu il mio Signore.
Derubando del mio tributo il tuo onore
vedevo crescere il mio debito con te.
Nuotavo contro corrente di tua vita
solo per sentire la forza del tuo amore.
Per nascondermi da te
ho spento la mia luce,
ma tu m’hai sorpreso con le stelle.”

Rabindranath Tagore

Blog su WordPress.com.

Su ↑