Cerca

Il liberastorie

La narrazione che libera tutti

Mese

settembre 2019

Partenza

Dopo mille intoppi alla fine ce l’ho fatta.

Sono arrivata a Norcia.

“Il guardiano della soglia” ha perso!

Tuttavia farò soltanto una parte del cammino di San Benedetto, il resto lo rimando a Primavera prossima.

Che dire, fuori piove e sono seduta sopra un comodo divano arancione, in un grande stanzone comune, ad ascoltare i racconti dei pellegrini.

Tutti uomini, tranne io e le mie due compagne di viaggio, hanno la faccia tipica di chi ama camminare a piedi infatti, sorridono con gli occhi.

Mi colpisce sempre l’atmosfera amichevole che si respira, tra perfetti sconosciuti, durante queste esperienze.

Credo sia dovuto alla magia di certi luoghi dove la semplicità regna e ad avere importanza è solo la persona, punto.

In questa terra devastata dal terremoto, dove la ricostruzione stenta, respiro il coraggio di chi ha la forza di cominciare tutti i giorni con quello che ha. Una grande lezione.

Emanuela

Abbiamo bisogno
di un luogo: ci vuole
una mano,
una casa, un sorriso,
qualcosa che ci faccia
da perimetro.
L’animale senza luogo
si ammala,
ama senza amare,
soffre senza soffrire.
Non basta il mondo,
ci vuole un luogo,
amare è costruire un luogo,
cioè un pezzo di mondo
con un Dio dentro.

Franco Arminio

(In foto due dei miei figli tanti anni fa)

Autunno

《Umana, ma che vuoi che mi freghi se fuori piove…》🐱🐱

Memoria

Hai fatto caso che per farsi largo la vita ci fa morire sempre un po’?

Emanuela

Dopo la notte arriva sempre il giorno. La notte illude spacciandosi per luce, ma è un’illusione: lei non sarà mai giorno…

Ernesto Olivero

Praticamente pronta!
Parto tra una settimana.

La strada chiama, il pellegrino risponde.

Un cuore generoso ha sempre bei piedi!

Il pellegrino lo sa che non cammina per se stesso.

👣👣👣👣👣👣👣👣👣👣👣👣👣

Emanuela

“Perciò fa che resistiamo sempre a qualsiasi menzogna collettiva che tenti di impedire all’anima di vedere e di sentire.

… Che tu possa ricordare di stare sempre dalla parte dell’anima, se è acume e forza che desideri,

e di stare dalla parte dello spirito se di energia e determinazione hai bisogno per agire per tuo conto, e per il mondo.

… e se è la saggezza che vuoi, che tu possa sempre sposare anima e spirito ovvero sposare azione e passione, sposare audacia e saggezza.

…sposare energia e profondità e invitare tutti gli aspetti della psiche al matrimonio sacro

…Che tu sia dunque intrisa di anima, e di spirito.

…Che tu possa dunque scegliere ciò che rende il tuo cuore, la tua mente e la tua vita più grande e non più piccola,

….che tu possa accogliere ciò che rende il tuo cuore, la tua mente la tua vita più profonda e non più sterile,

…che tu possa scegliere ciò che ti incita a danzare, e non più a trascinarti, o a oziare davanti al tempo che passa.

Anima e spirito hanno un ottimo istinto, usalo.

Anima e spirito hanno grandi doni del cuore.

Mettili in luce.

Anima e spirito hanno la capacità di vedere lontano, remare forte e guarire.

Usa queste potenzialità.

Da sempre ti aspetta dentro di te una grandissima donna seduta di fronte ad un grandissimo grande fuoco.

La tua anima.

Il tuo impegno, il più grande dei grandi, è di trovarla e tenerla sempre con te.”

Clarissa Pinkola Estés – Storie di donne selvagge-

“Se cerchi la luce, Benedetto, perché scegli la grotta buia?

La grotta non offre la luce che cerchi.

Continua pure nelle tenebre a cercare la luce fulgente, perché solo in una notte fonda brillano le stelle.”

Ecco arrivate, le credenziali da pellegrina!

Partirò per il cammino di San Benedetto a breve.

Assicuro foto, per le parole vedremo…

Emanuela

Anche un pugno di polvere poteva nascondere i tuoi segni, quando ancora ne ignoravo il significato.
Ora che sono più saggio, li leggo in tutto quello che un tempo lì celava.
Sono dipinti nei petali dei fiori, la schiuma delle onde li porta, scintillanti, le colline li innalzano.
Distolto il viso da te,
leggevo i tuoi messaggi a rovescio, non ne comprendevo il senso.

Rabindranath Tagore

Blog su WordPress.com.

Su ↑