Il deserto di un uomo moderno

Un uomo moderno si perde nel deserto.

Lo spietato calore del sole lo aveva esaurito.

Allora vide un’oasi ad una certa distanza.

“Una fata Morgana” pensò, “un miraggio che si burla di me”.

Si avvicinò all’oasi, ma essa non sparì.

Vide la palma dei datteri, l’erba e le pietre tra le quali sgorgava una sorgente.

“Naturalmente è uno scherzo della fame”, pensò “Naturalmente ora sento pure il gorgoglio dell’acqua. Un’allucinazione dell’udito! Come è crudele la natura”.

Con questi pensieri stramazzo’ a terra e morì.

Un’ora più tardi fu trovato da due beduini.

《Ci capisci qualcosa?》 Domandò l’uno all’altro, 《i datteri gli crescono quasi in bocca, e lui giace vicino alla sorgente, morto di fame e di sete!》

《Era un uomo moderno》 rispose l’altro beduino, 《non ci ha creduto》.

Da – Il Deserto – Pierluigi Torresin ( pag. 84)