“Grazie alla vita

Che mi ha dato tanto,

Mi ha dato due occhi

Che quando li apro

Chiaramente vedo

Il nero e il bianco,

Chiaramente vedo il cielo alto

Brillare al fondo,

Nella moltitudine

L’uomo che amo.

Grazie alla vita

Che mi ha dato tanto,

Mi ha dato l’udito

Così certo e chiaro

Sento notti e giorni

Grilli e canarini

Turbini martelli

E lunghi pianti di cani

E la voce tenera

Del mio amato

Grazie alla vita

Che mi ha dato tanto,

Mi ha dato il passo

Dei miei piedi stanchi

Con loro ho attraversato

Città e pozze di fango

Lunghe spiagge vuote

Valli e poi alte montagne

E la tua casa la tua strada

Il tuo cortile

Grazie alla vita

Che mi ha dato tanto,

Del mio cuore in petto

Il battito chiaro

Quando guardo il frutto

Della mente umana

Quando vedo la distanza

Tra il bene e il male

Quando guardo il fondo

Dei tuoi occhi chiari

Grazie alla vita

Che mi ha dato tanto

Mi ha dato il sorriso

E mi ha dato il pianto

Così io distinguo

La buona o brutta sorte

Così le sensazioni che fanno

Il mio canto

Grazie alla vita

Che mi ha dato tanto”

Violeta Parra Sandoval