…Ho avuto le montagne toccate con la punta dei piedi e delle mani, la loro immensità sfiorata in superficie.

Ho avuto le parole. Senza di loro sbatto contro i muri. Anche con loro sbatto, però li vedo bene, i muri, e mi preparo all’urto. Ho avuto un corpo intero che ricuce di notte gli strappi del giorno, respira e batte i colpi pure quando dimentico di esistere.

Erri De Luca – il giro dell’oca