…Immagina una ferita, così profonda da caderci dentro.

Immagina la notte, quando mi sveglio, quando scrivo, quando resto immobile a sentire ciò che sale muto e freddo.

Emanuela