Il Sé che lasciamo dietro di noi
è solo una pelle troppo piccola
Non rimpiangerla.
Cerca quel Sé umido, crudo, incompiuto
quello che stai diventando.

Anche il mondo perde la sua pelle:
cambia politici, cataclismi, giorni ordinari che si succedono.
È facile perdere questo tenero
svolgersi del momento presente. Cercalo
come se fosse il primo filo d’erba verde
dopo un lungo inverno. Ascoltalo
come se fosse il suono chiaro
in un luogo dove l’alba è annunciata da campane.

E se tutto ciò non funziona,
lava i piatti.
Risciacquali.
Stai nella cucina al tuo lavandino.
Lascia scorrere l’acqua fredda tra le dita.
Sentila.

PAT SCHNEIDER

3 pensieri riguardo “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...