“Quando una donna fa l’amore con peni compulsivi ed egoisti, che non sanno essere presenti amorevolmente dentro la sua pancia, sta accentuando la ferita”.

La pancia, l’utero femminile, è stato aggredito per migliaia di anni, dal mondo maschile e dalla sua energia razionale che ha dominato la civiltà, staccata dal cuore e dalla madre terra.

Ancora oggi è stato aggredito terribilmente nella nostra “avanzata” civiltà. Viene aggredito quando l’uomo continua a usarlo per scaricare tutta la sua frenesia mentale, quando tanti e tanti uomini si masturbano nel ventre di una donna e questo lo chiamano fare l’amore.

E la propria donna, quando permette che ogni uomo entri dentro di lei, e quando lei stessa copia i modelli sessuali mascolinizzanti, si rivolge ad una sessualità superficiale (clitoridiana) e diventa quel tipo di donna, così comune oggi, che utilizza attivamente la sessualità disgiunta dal sentimento.

La Dea è l’energia femminile ed è legata al potere della sua pancia, che guarisce, la lega direttamente con l’energia del cuore e con la presenza dell’essere, del tutto.

E ‘ necessario che il ventre femminile sia guarito da tutto il dolore, da tutto il terrore e da tutto il rancore, dal karma collettivo, da migliaia di anni di schiacciamento delle donne, di disprezzo e di aggressione alla dea.

Lo stesso atto sessuale, nella forma tantrica, è una potente forma di guarigione. Il contatto con il pene di un uomo che è guarito o che è sulla via cosciente di guarigione, che ha aperto il suo cuore, che ha integrato in sé l’energia femminile, l’energia della Dea, inizia, tuttavia, a purificare Il ventre femminile.

Inizia a darle “nuove informazioni”, questa volta dalla considerazione, dall’amore. Ecco perché è molto importante per ogni donna sulla via della guarigione cosciente, essere attenta nelle sue relazioni. Non si tratta di repressione, di negare ora il diritto di libertà sessuale, così faticosamente raggiunto; ma di una presa di coscienza di “quello che stiamo facendo”.

Guarire la mente è guarire il corpo, la donna deve “abbracciare il suo drago”, rendersi consapevole della sua ferita e guarirla attraverso il perdono cosciente. Non si tratta di creare colpevoli. La guarigione dell’essere umano richiede che capiamo che la nostra storia è una storia collettiva, è la storia del risveglio della coscienza, e in quella storia siamo stati tutti coinvolti in molte vite, a volte facendo una cosa e a volte altre.

La stessa cosa richiesta per la guarigione del pianeta è che l’uomo apra il suo petto e integri la donna dentro di lui, e quella stessa guarigione richiede che la donna curi la sua ferita attraverso la comprensione di se stessa.”

(Keshavananda)