Cerca

Il liberastorie

La narrazione che libera tutti

Mese

settembre 2017

Pensierino

Tutto è finito, non resta altro da fare che continuare a vivere.

Emanuela

Quelle come me

Quelle come me regalano sogni, anche a costo di rimanerne prive.
Quelle come me donano l’anima,
perché un’anima da sola è come una goccia d’acqua nel deserto.
Quelle come me tendono la mano ed aiutano a rialzarsi,
pur correndo il rischio di cadere a loro volta.
Quelle come me guardano avanti,
anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro.
Quelle come me cercano un senso all’esistere e, quando lo trovano,
tentano d’insegnarlo a chi sta solo sopravvivendo.
Quelle come me quando amano, amano per sempre.
e quando smettono d’amare è solo perché

piccoli frammenti di essere giacciono inermi nelle mani della vita.
Quelle come me inseguono un sogno
quello di essere amate per ciò che sono
e non per ciò che si vorrebbe fossero.
Quelle come me girano il mondo alla ricerca di quei valori che, ormai,
sono caduti nel dimenticatoio dell’anima.
Quelle come me vorrebbero cambiare,
ma il farlo comporterebbe nascere di nuovo.
Quelle come me urlano in silenzio,
perché la loro voce non si confonda con le lacrime.
Quelle come me sono quelle cui tu riesci sempre a spezzare il cuore,
perché sai che ti lasceranno andare, senza chiederti nulla.
Quelle come me amano troppo, pur sapendo che, in cambio,
non riceveranno altro che briciole.
Quelle come me si cibano di quel poco e su di esso,
purtroppo, fondano la loro esistenza.
Quelle come me passano inosservate,
ma sono le uniche che ti ameranno davvero.
Quelle come me sono quelle che, nell’autunno della tua vita,
rimpiangerai per tutto ciò che avrebbero potuto darti
e che tu non hai voluto.
Alda Merini

747

Cadde tanto in basso – nella mia considerazione

che lo udii battere in terra –
e andare a pezzi sulle pietre
in fondo alla mia mente –

ma rimproverai la sorte che lo abbattè – meno
di quanto denunciai me stessa,
per aver tenuto oggetti placcati
sulla mensola degli argenti –

– Emily Dickinson

 

“Sono le persone che hanno sofferto a fare del loro meglio per rendere felici le altre persone.

 Perchè sanno cosa significa stare male e non vogliono che nessun altro si senta in quel modo”.

 Robin Williams

È bello svegliarsi e non farsi illusioni. Ci si sente liberi e responsabili. Una forza tremenda è in noi, la libertà. Si può toccare l’innocenza. Si è disposti a soffrire.

da PensieriParole <https://www.pensieriparole.it/aforismi/comportamento/frase-81093>

(Cesare Pavese)

La mia casa e il mio cuore

Se un giorno tornerò alla vita la mia casa non avrà chiavi: sempre aperta, come il mare, il sole e l’aria.
Che entrino la notte e il giorno, la pioggia azzurra, la sera,
il pane rosso dell’aurora;
la luna, mia dolce amante.

Che l’amicizia non trattenga
il passo sulla soglia,
né la rondine il volo,
né l’amore le labbra. Nessuno.

La mia casa e il mio cuore mai chiusi: che passino gli uccelli, gli amici,
e il sole e l’aria.

Marcos Ana

Amare è diverso da essere innamorati…

“L’Amore è ciò che resta dopo che le farfalle nello stomaco sono volate via”.

 V. Molinaro

P.S.

Alla fine scopri che era solo stress 😊

Emanuela

Namaste

Quando l’universo vuole salvare qualcuno gli dona l’amore.” 
E’ questa la frase che andava  rimuginando tra sé,  mentre la folla umana la trascinava fuori dal vagone della metro.
 Gli occhi pieni di lacrime  le scorrevano  lungo le  guance, rigandole  il fard.
Impossibile arginarle mentre veloci scivolavano giù, nessuno vedeva.
Mano a mano, tuttavia,  la sguardo schiariva.
 Un volto emergeva dalla nebbia con un sorriso antico come il suo dolore.
Come poteva credere a questo?
Credere, ad un amore  vissuto mille vite fa.
Credere, ad  un amore arcaico, riconosciuto attraverso una voce,
mentre le narrava dolcemente, la favola antica di un incontro.

All’odore, al tocco tenero e deciso della mano che la  ritrovava.
Credere, ad un bacio che  calzava alla perfezione.
Credere,  all’amore cosmico.

-Anche tu mi ami, ma ancora non ricordi- diceva.

Ne aveva sentite di storie così, in cui  succedeva che il cielo si univa  alla terra per partorire un amore senza tempo, ma non lo riteneva possibile, veramente.
 Nonostante la sua incredulità,   stava accadendo a lei…
Vivere la storia di due anime ritrovate.
Due energie vitali; il bianco ed il nero, il no unito al si. L’ im-possibile.
L’ universo tutt’ intorno a lei gioiva.
Le sue lacrime, attimi di poesia sulla razionalità.
Emanuela

L’ombra del padre

“Il vecchio volse il capo e guardò la donna. I loro occhi si incontrarono ed ecco che i loro visi subirono una trasformazione. Ne disparvero sia l’espressione severa presente sul viso della donna, che la preoccupazione ed il dolore che parevano indelebili sul viso dell’uomo. Negli occhi di entrambi comparve un bagliore caldo, alle labbra afflui un sorriso. In quel momento , non erano più dei vecchi che avevano lasciato tutto dietro di sé.”
Jam Dobraczynki 

Blog su WordPress.com.

Su ↑