C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo

Ho smesso di credere a quelle persone che mi dicevano “ci sono”. A quelle che ogni tanto mi prendevano per mano e mi assicuravano che loro ci sarebbero state sempre per me. Ho smesso di vedere quello che mi sembrava fosse, e ho iniziato più a capire quello che in realtà c’era. E ho visto. Ho visto che le persone possono lasciarti, mandarti via con una facilità incredibile. Ho visto che per loro è sempre più semplice perché ti sbattono la porta in faccia ridendo mentre tu piangi ripetendoti a mente i loro “ci sarò”, i loro “ti voglio bene”. Ho smesso di credere a tutte queste bugie. Ho imparato la lezione. Se uno rimane lo si capisce quando ti guarda e intanto ti sorride, ma non dice nulla…

(Reyes)

2 pensieri riguardo “C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo

  1. Io credo che ci sia sempre la necessità di mantenere il centro su se stessi perché appunto l’altro rimane sempre altro e in ogni momento può andare via.

    "Mi piace"

    1. Hai ragione. Ci destabilizza che l’altro vada via perché, ad un certo punto crediamo di essere noi, l’altro e noi, non andremmo mai via. Ci siamo fusi e confusi con una persona oppure con la sua immagine dentro di noi.
      È un processo lungo e doloroso “sconfonderci”😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...