“..Vivi, come fosse l’ultimo giorno della tua vita, con dignità  e rispetto, come se non avessi più  tempo.
Ama, fino a non poterne più.
Cammina, tanto , tanto da stancarti, da sudare, da sentire male alle gambe.
Respira, e trattieni la forza che arriva dal naso e poi..e poi lasciala  andare, rallenta, soffia fuori.
Datti il permesso di riposare, di guardare intorno a te e, dentro di te.
Datti il permesso della debolezza, di sentirti fragile ed impotente.
Datti il permesso di sbagliare.
Datti il perdono.
Guarda, tutto intorno a te è  vita vera.
 Vivi, fallo per me.”