Su di me

Mi chiamo Emanuela,
Sono una donna,  madre di tre splendidi figli. Da anni lavoro con le donne e per le donne.Le aiuto a raccontarsi, a narrarsi. Ad attingere da quella loro storia, a volte dura, per attivare un processo di consapevolezza e liberazione.
Sono il frutto di tante vite, ogni vita un mondo, un universo. Sono il frutto di questi universi che si sono incontrati, scontrati, amati; le mie origini, le mie radici.
Sono il frutto di tradizione ed innovazione, sono terra e mare, fuoco ed acqua. Sono l'evoluzione di tanti mondi e porto dentro di me i significati delle storie di altri.
Sono il frutto di scelte, cambiamenti e riscelte. Ridecisione consapevole nell'eternità.
Mi piace scrivere. Mi piace il modo in cui,  la scrittura mi stana, mi trova e mi racconta.  Le storie parlano di chi le scrive ed ogni volta hanno il potere di liberare un piccolo frammento della mia vita.
Per questo motivo nasce questo spazio, per raccontare le mie storie e, perché no? Liberare quelle di altri...

Articoli recenti

Caterpillar

E il disamore avanza a colpi di lontananza.Né vicini, né lontani, solo persi. Avanza per un pensiero che corre sulla fronte. Un’immagine sparata dal grilletto. Il sapore del rancore amaro, appiccicato sulle labbra secche, è mio compagno.  Senza l’illusione di un amore che risorge, faccio fatica a restare ferma nella stanza. Stringo tra i denti questo … Leggi tutto Caterpillar

Si esce e si chiude la porta senza pensarci. E quando ci si volta a vedere quel che si è combinato è troppo tardi. Se vi sembra la storia di una vita, sono d’accordo.Raymond Carver

“Tutto è importante.Che qualcuno accenda la luce, raccolga la carta buttata a terra, ascolti la storia ripetuta più volte, pieghi la biancheria, giochi secondo le regole, dica le cose come stanno, resista alle tentazioni, pulisca il bancone, aspetti a attraversare col giallo, si congratuli per le vittorie, accetti le conseguenze, prenda le parti di qualcuno, … Leggi tutto

Ho un fiore in mano forse.Strano.Nella mia vita deve essercistato un giardino un tempo. Nell’altra mano stringouna pietra.Con fiera grazia.Nessun sospettoper preavvisi di mutamenti,sentore di difese piuttosto.Nella mia vita deve essercistata ignoranza un tempo. Sorrido.La curva del sorriso,il cavo del mio umoresomiglia a un arco ben teso,pronto.Nella mia vita deve essercistato un bersaglio un tempo.E … Leggi tutto

Altri articoli