Cerca

Il liberastorie

La narrazione che libera tutti

Ostinazione

Ostinatamente continui a dare nomi errati alle cose, ai sentimenti, agli animali…alle emozioni.

Quando saprai nominare, saprai domandare.

Emanuela

Monte Ratafano

Ad ogni passo lascia ciò che è finito fuori di te ed incontra l’infinito che è dentro di te… Allora il tuo cuore si aprirà…

Emanuela

Lasciare andare…

I’m sorry, I forgive you, I love you, thank you.

“Ma non è giusto. Il Re degli animali non dovrebbe essere un vigliacco” disse lo Spaventapasseri.

“Lo so” rispose il Leone asciugandosi una lacrima dagli occhi con la punta della coda. “Questa è la mia grande pena, e mi rende la vita molto infelice. Ma ogni volta che c’è un pericolo, il cuore comincia a battermi forte”.

“Forse soffri di cuore” provò a dire il Boscaiolo di Latta.

“Può darsi” replicò il Leone.

“Se è così” continuò il Boscaiolo di Latta “dovresti essere contento, perché vuol dire che hai un cuore. Io, per esempio, non ce l’ho, e quindi non posso neanche avere mal di cuore”.

L. F. Baum, ‘Il mago di Oz

(Foto dal web)

” Lui tornerà ad essere un estraneo dopo che avrete fuso le vostre vite in una sola, vi siete confidati i segreti più nascosti e avrete abbattuto il muro di qualunque pudore.

Sarete due estranei anche se conoscete il ritmo del vostro sonno, i vostri odori, le vostre abitudini.

Due estranei che si conoscono meglio di chiunque altro e le cui vite non si incroceranno mai più se non per caso.”

Alessandro Baricco- Oceano mare –

“Quello ormai era il passato, pensai. E noi non eravamo fatti di passato. Non potevamo essere soltanto il prodotto dell’educazione dei nostri genitori, né del rapporto con i nostri compagni, né di ciò che avevamo perso. Mi rifiutava di accettare che fosse così. Doveva esserci qualcosa della Marina che avevo costruito io, di cui ero l’unica responsabile.
E in caso contrario, dovevo costruirla.
Era urgente.”

Donne che comprano fiori- Vanessa Montfort-

Grandi pulizie

Un lavoro profondo di pulizia della propria casa prevede che TUTTI i mobili vengano spostati. Che si alzino le sedie per pulire bene sotto il tavolo buono, che si passi, delicatamente, il panno da spolvero, si lavino le tende si alzino i tappeti, si battano per bene e si aspirino gli acari in eccesso😀

Qualche volta la pulizia prevede che un mobile venga spostato da un’altra parte, oppure, se ormai risulta inutile, regalarlo!

La pulizia profonda prevede uno sforzo notevole per chi la compie, tuttavia poi la casa risulta pulita ed è piacevole starci dentro.

Tutto l’eccesso che appesantisce è eliminato, solo l’essenziale resta😀…

La pulizia profonda si fa con la mente ed il corpo…😊

Emanuela

Come se

Come se, non bastasse mai…

Mai colma, mai convinta, mai abbastanza.

Lui chiamato a superare confini invisibili.

Spalle grandi, troppo fragili.

Mani lisce, troppo spaccate.

Occhi azzurri, troppo innocenti.

Tu lo sai che non ce la farà, eppure continui il gioco perverso.

Come se, l’unico gioco possibile da fare. L’unico che conosci bene.

Come se, un gioco in cui si perde sempre.

Sfinita, sfinisci.

Il gioco è finito. Hai vinto.

Emanuela

“Poiché la disperazione era un eccesso che non gli apparteneva, si chinò su quanto era rimasto della sua vita, e riiniziò a prendersene cura, con l’incrollabile tenacia di un giardiniere al lavoro, il mattino dopo il temporale.”

Alessandro Baricco

Blog su WordPress.com.

Su ↑