Su di me

Mi chiamo Emanuela,
Sono una donna,  madre di tre splendidi figli. Da anni lavoro con le donne e per le donne.Le aiuto a raccontarsi, a narrarsi. Ad attingere da quella loro storia, a volte dura, per attivare un processo di consapevolezza e liberazione.
Sono il frutto di tante vite, ogni vita un mondo, un universo. Sono il frutto di questi universi che si sono incontrati, scontrati, amati; le mie origini, le mie radici.
Sono il frutto di tradizione ed innovazione, sono terra e mare, fuoco ed acqua. Sono l'evoluzione di tanti mondi e porto dentro di me i significati delle storie di altri.
Sono il frutto di scelte, cambiamenti e riscelte. Ridecisione consapevole nell'eternità.
Mi piace scrivere. Mi piace il modo in cui,  la scrittura mi stana, mi trova e mi racconta.  Le storie parlano di chi le scrive ed ogni volta hanno il potere di liberare un piccolo frammento della mia vita.
Per questo motivo nasce questo spazio, per raccontare le mie storie e, perché no? Liberare quelle di altri...

Articoli recenti

Il viaggio

Per questa estatemi auguro di partire. Un viaggiolontanoprofondoonestosplendidodentro di me. È l’unico, saicheper mevale la pena fare. Nessun altro postoè capace di portarmilontano, lontanoe poifinalmente a casa. Anche sepenso di avere pochi mezzi a disposizionee la linea all’orizzonte è stortaparto.Respiro il mio respirovado. Il viaggio sono ioe mi sto aspettando. Buone vacanze Emanuela

Tramonto

È tutto quello di cui non si può parlare che alza alti muri di silenzi in cui confondiamo solitudine con isolamento e allo stesso tempo dichiara l’inesorabile fine delle storie. Come un tramonto lento, dolce e triste.Corsi e ricorsi. Emanuela

Mi manco.Quando mi perdo dietro inutili parole.Quando mi infilo nella testa degli altriper cercare di coglierne le ragioni.Quando voglio compiacere per paura di un rifiuto.Quando pronuncio un sì a denti strettimentre con tutto il fiato vorrei urlare no. Mi manco quando spreco il mio tempo.Quando mi perdo dietro i sogni degli altrie trascuro i miei.Quando … Leggi tutto

“La donna deve fare attenzione a non consentire a un eccesso di responsabilità o di rispettabilità di rubarle le pause e le estasi necessarie per creare. Deve semplicemente dire di no a metà delle cose che secondo lei dovrebbe fare. All’arte non bastano pochi momenti rubati.Lo sparpagliamento dei piani e dei progetti si verifica quando … Leggi tutto

Altri articoli